Dalla nostra offerta: Alfa Romeo Giulia

Vi piacerebbe avere qualcosa di simile a una BMW Serie 3, ma vi dà fastidio di vederne una dozzina ad ogni angolo? Allora prendete in considerazione l’Alfa Romeo Giulia. No, non è uno scherzo. Naturalmente, sappiamo che il marchio Alfa Romeo ha per alcuni automobilisti una cattiva reputazione. E sappiamo anche che la reputazione della Giulia non è stata del tutto aiutata dai suoi numerosi difetti al momento del lancio, otto anni fa. Oggi, tuttavia, è una berlina sportiva matura con eccellenti caratteristiche di guida. Qualche piccolo difetto può forse dare fastidio, ma la costosa meccanica non è certo più difettosa di quella delle più note marche tedesche.

Carvago.com offre attualmente più di 900 veicoli di Alfa Romeo Giulia. Diesel e benzina sono divisi quasi esattamente a metà, e circa un terzo delle auto è a trazione integrale. Per contro, il cambio manuale è una grande rarità, con meno del quattro per cento. Non importa, l’automatico della rinomata azienda tedesca ZF funziona benissimo. 

Alfa Romeo Giulia usata: Motori, equipaggiamento, affidabilità

  • Innanzitutto, tecnicamente è una berlina premium a tutti gli effetti. La piattaforma Giorgio, su cui sono state create la Giulia (Giulia – non è bello dare nomi umani ad un pezzo di ferro!!) e il SUV gemello Stelvio, utilizza un motore a trazione posteriore montato longitudinalmente. Quindi, proprio come la BMW 3 o la Mercedes Classe C.
  • Inoltre, la piattaforma è stata onestamente progettata senza alcun riguardo per i costi e dimensionata per i modelli più grandi e pesanti che alla fine non sono entrati in produzione. Tutti i modelli Giulia, ad esempio, hanno componenti del telaio in alluminio o un albero di trasmissione (“cardano”) in fibra di carbonio.
  • I bracci trapezoidali anteriori e le sospensioni posteriori multi-elemento sono progettati in modo così generoso che di solito durano centinaia di migliaia di chilometri senza essere sostituiti. Alcuni concorrenti tedeschi potrebbero essere invidiosi.
  • E a proposito di invidia tedesca, la guida di una Giulia a trazione posteriore è per un guidatore esperto molto gratificante. Offre esattamente il tipo di esperienza di guida che i clienti cercano (e che, nella maggior parte delle versioni, non trovano da anni), per esempio, nella BMW Serie 3.
  • La sportiva Giulia Quadrifoglio è un capitolo a parte. Il motore Ferrari è ricco di potenza e carattere, mentre il telaio, con gli ammortizzatori elettronici e il differenziale autobloccante, è in curva affilatissimo come un rasoio, ma sempre assolutamente prevedibile. Un capolavoro.
  • In termini di affidabilità, la scelta più rischiosa non è il 2.2 JTDm diesel e, stranamente, nemmeno l’affilata Quadrifoglio, ma l’apparentemente ordinario due litri benzina. La sua complicata ingegneria soffre di depositi di carbonio, soprattutto nei frequenti viaggi a breve distanza.
  • Il principale svantaggio della Giulia rispetto alla concorrenza tedesca è la ristretta gamma di motori e, in particolare, l’assenza di una carrozzeria station wagon. Inoltre, bisogna prepararsi a un abitacolo dall’aspetto piuttosto economico e a un sistema di bordo non proprio esaltante (ad esempio, sulle vetture pre-facelift).
  • I sedili posteriori ribaltabili erano disponibili solo con un sovrapprezzo, quindi non sono comuni nelle auto usate.
  • Le nuove Giulia erano in grado di tormentare i proprietari con molti piccoli inconvenienti, causati dal lassismo dei progettisti e degli addetti all’assemblaggio. Oggi, invece, quando i meccanici di Carvago ispezionano le Giulie usate, di solito incontrano solo dischi posteriori arrugginiti o un paraurti rovinato da un parcheggio incauto sul marciapiede.
  • Nel corso degli anni, molti proprietari hanno sostituito gli pneumatici originali run-flat con altri semplici con i fianchi più morbidi. Questi rendono la Giulia più confortevole da guidare, ma in caso di foratura si deve ricorrere a un kit di incollaggio o all’assistenza stradale. Naturalmente, questo vale anche per le auto più recenti, alcune delle quali montano pneumatici normali fin dalla fabbrica.
  • Anche se l’Alfa Romeo non prescrive un cambio d’olio per il cambio automatico, lo consigliamo – come in tutti i casi simili – al massimo dopo 160.000 km.

Quando ritirerete l’Alfa Romeo Giulia dei vostri sogni da noi di Carvago.com, invieremo un meccanico che effettuerà un CarAudit dettagliato e vi invierà un rapporto dettagliato sulle sue condizioni, con tanto di foto. Se siete soddisfatti del risultato e decidete di acquistare l’auto, ci occuperemo di tutto ciò che dovete fare, dal riacquisto all’importazione nel Paese, fino all’iscrizione al registro automobilistico. Non vi resta che attendere la consegna dell’auto a casa vostra.

Sdílet článek:
Condividi l’articolo:
Zdieľať článok:

Podobné články Articoli simili: Podobné články:

Poche auto hanno un nome così risonante per il grande pubblico come la Ford Mustang. La leggendaria “pony car” americana sta entrando sul mercato già con la sua VII…
Non servono lunghe presentazioni per questa BMW serie 3. Il prossimo anno sarà passato mezzo secolo da quando si è affermata come berlina sportiva di classe media e, ad…
 La Passat probabilmente non ha bisogno di presentazioni, anche per coloro che non sono troppo interessati alle automobili. In quasi mezzo secolo di presenza sul mercato, è diventata il…