Da compatta a SUV: i tipi di carrozzeria e i loro (s)vantaggi

Foto: Renault

Sai che auto hai nel tuo garage? Sicuramente conoscerai la marca e il modello, ma se ti chiedessimo il tipo di carrozzeria, forse potresti esitare. Facciamo chiarezza insieme e cominciamo con un grande classico.

La berlina

BMW 545e. Foto: BMW

La forma generica dell’auto. Quando un bambino disegna un’automobile, molto probabilmente avrà l’aspetto di una berlina: uno spazio per il motore, uno per i passeggeri, uno per i bagagli. Ecco perché questa carrozzeria è conosciuta professionalmente anche come “tre volumi”. Ha dominato il mondo dell’automobile per tutta la seconda metà del XX secolo e rimane molto popolare in Asia, da Istanbul a Shanghai. Il principale vantaggio strutturale della berlina è difficile da comprendere per il cliente medio: consiste nella rigidità della carrozzeria, determinata dalla paratia dietro i sedili posteriori. Una scocca rigida è uno dei requisiti per un controllo preciso in curva, ma anche per il comfort e l’eleganza. Il livello di rumorosità più basso è dovuto anche a un minore trasferimento del rumore dalle ruote posteriori all’abitacolo, poiché parte di esso rimane, per così dire, nel bagagliaio. Oltre alla tradizione, è questo uno dei motivi per cui le auto più lussuose, come la Mercedes-Benz Classe S o la Rolls-Royce Phantom, si attengono ancora alla carrozzeria della berlina.

Liftback

Škoda Superb. Foto: Škoda

Lift = sollevamento, back = retro. Anche una conoscenza molto elementare dell’inglese è sufficiente per capire qual è il principale vantaggio di una liftback rispetto a una berlina. Sebbene la carrozzeria è similmente fluida e, a volte, persino volutamente stilizzata a gradini come quella della berlina, l’apertura più ampia del vano bagagli unitamente ai sedili ribaltabili consente di caricare anche gli acquisti del negozio del fai-da-te o i mobili imballati. Molte delle auto di oggi, considerate berline dal grande pubblico, non sono, appunto, altro che liftback. Tra tutte ricordiamo la Skoda Superb o l’Audi A7, ma anche la Porsche Panamera. La carrozzeria profondamente cesellata si torce un po’ sotto le sollecitazioni, quindi la liftback sarà sempre più rumorosa e meno precisa in curva rispetto a una berlina altrimenti paragonabile, ma questo è un prezzo accettabile da pagare per una praticità significativamente maggiore per la stragrande maggioranza dei clienti.

Station wagon

Audi A4 Avant. Foto: Audi

Per decenni, chi aveva bisogno di trasportare grandi acquisti o cani di grossa taglia non aveva altra scelta che una classica station wagon. Oggi molte persone preferiscono passare al SUV, ma, dal punto di vista tecnico, è inevitabile che, confrontando due auto di prezzo simile, a offrire più spazio per i bagagli, minori consumi e migliore guidabilità sarà sempre la station wagon. A ciò si aggiunge il fattore della domanda. Mentre i concessionari di auto usate possono riempire le liste d’attesa per una bella Tiguan, una Golf Variant altrettanto vecchia con lo stesso chilometraggio, lo stesso motore e lo stesso equipaggiamento costerà, nel caso di auto di tre anni, circa 6,000 EUR in meno. O, per dirla in altro modo, al prezzo di un SUV compatto si può avere un’autovettura equivalente di classe superiore, nel caso della VW Passat

Oggi le case automobilistiche chiamano le eleganti auto di rappresentanza dalla silhouette del tettuccio più bassa “Shooting Brake”, forse per le loro origini che risalgono alle auto da caccia dell’aristocrazia britannica. Ma siamo certi che la maggior parte dei proprietari della Volkswagen Arteon Shooting Brake, della Mercedes CLA Shooting Brake o della Kia Proceed Shooting Brake non porta con sé fucili da caccia né anatre selvagge cacciate. 😃

Hatchback 

Volkswagen Golf. Foto: Volkswagen

Una berlina a cui è stato tagliato il bagagliaio o, piuttosto, è più simile a una station wagon accorciata? È più probabile che valga quest’ultima, perché la hatchback con il suo lato posteriore (relativamente) verticale e inclinato verso l’alto è una carrozzeria a due volumi, proprio come la liftback e la wagon. Il primo volume è quello del motore, il secondo deve essere condiviso dall’equipaggio e dai suoi bagagli. In termini di versatilità, la hatchback è altrettanto versatile quanto una station wagon, ma in modo più modesto, grazie alla parte posteriore perpendicolare, ai sedili posteriori ripiegabili e all’ampia apertura del vano bagagli, anche un’auto dalla pianta piccola può trasportare una lavatrice, se necessario. Ecco perché l’hatchback è la scelta ideale per i clienti che di solito guidano da soli o in coppia e hanno bisogno di trasportare qualcosa di più ingombrante solo di tanto in tanto. Una rappresentante tipica di questa categoria è la Volkswagen Golf, tra l’altro da anni l’auto più venduta in Europa.

In passato, le hatchback avevano un design di base a tre porte, con un sovrapprezzo per la coppia di porte posteriori. Ma, nel tempo, i clienti hanno perso interesse per scarsa praticità della carrozzeria a tre porte. Oggi rimane comune solo tra le auto più piccole, come la Fiat 500, dove di solito nessuno siede sul sedile posteriore.

Coupé

Bentley Continental GT Speed. Foto: Bentley

Ai tempi delle carrozze a cavalli, il termine coupé indicava una carrozza accorciata senza panca rivolta verso la direzione di marcia. Dopotutto, deriva dal francese “couper”, ovvero tagliare. Nel mondo dell’automobile, il suo significato è stato chiaro per molti decenni, un’auto a due porte con una linea del tettuccio fluida, spesso come variante più sportiva della berlina esistente. Nel contesto europeo, la BMW 3 coupé è un caso classico. Oggi, tuttavia, si sente spesso parlare anche di coupé “a quattro porte”, cioè di modelli con una silhouette più dinamica e bassa. La prima rappresentante significativa di questo trend è stata probabilmente la Mercedes-Benz CLS del 2004. E naturalmente, quando si parla dei nuovi significati del termine “coupé”, non si può tralasciare il “SUV-coupé” o il “coupé-SUV”, che ci sposta verso il fenomeno più significativo del nostro tempo a livello di carrozzeria. 

SUV

Hyundai Santa Fe. Foto: Hyundai

Di profilo, sembra simile a una hatchback o a una station wagon, ma con una carrozzeria rialzata e una maggiore altezza da terra (la distanza del punto più basso del telaio dal suolo). Inizialmente, con il loro aspetto i SUV cercavano di evocare il più possibile la robustezza e le radici di un fuoristrada; oggi, invece, la tendenza è quella di un look civile e urbano. Il significato completo dell’abbreviazione SUV “Sport Utility Vehicle” (veicolo utilitario sportivo) viene spesso tradotto pedissequamente come “sport utility vehicle”, ma in realtà significa qualcosa come “veicolo per il tempo libero”. Il che, tra l’altro, è anche l’origine effettiva di questa categoria: i SUV sono nati in Nord America come veicoli versatili e spaziosi in grado di trasportare l’intera famiglia, con tutta l’attrezzatura da esterno, in un campeggio lontano dalle strade asfaltate. Oggi, invece, la maggior parte dei SUV non deve affrontare terreni più impegnativi di un dosso nel parcheggio di un centro commerciale. Tuttavia, i clienti cercano questo tipo di auto per la maggiore facilità di accesso, la migliore visibilità e spesso la sensazione soggettiva di sicurezza creata dalla carrozzeria massiccia.

In precedenza, era consuetudine distinguere tra SUV “ingentiliti” e “autentici” off-road dal design adattato all’uso sistematico in fuoristrada, anche se questa divisione è oramai sorpassata. Oggi, per fini pratici, consideriamo SUV gli ultimi pochi SUV onesti rimasti, come la Jeep Wrangler o la Mercedes Classe G.

Una nota a margine: la BMW si riferisce ai modelli SUV con il proprio acronimo SAV, ma chi si ricorda saprà che questa combinazione di lettere è stata utilizzata anche dalla Ford per il concept del 2005 che è diventato il precursore della S-MAX (il modello della categoria successiva). 

MPV

Ford Galaxy. Foto: Ford

I quarantenni di oggi hanno assistito alla completa ascesa e declino della categoria, dall’innovativa Renault Espace del 1984 fino all’odierna quasi irrilevanza causata dall’esodo dei clienti verso il segmento dei SUV. Tuttavia, questi veicoli versatili (MPV significa veicolo multiuso) non si sono ancora estinti…per fortuna. Nessun’altra categoria offre tanta versatilità quanto questi “furgoni” squadrati, dove è possibile spostare, ripiegare o rimuovere le file di sedili posteriori. I modelli più grandi offrivano spesso anche porte laterali scorrevoli, preziose quando si tratta di legare i bambini ai seggiolini negli spazi stretti dei parcheggi. Nella MPV è facile salire come in un SUV e la posizione di seduta rialzata al volante è la stessa. Il ruolo di MPV è stato in parte ricoperto da versioni di furgoni per passeggeri, dal Citroen Berlingo alla lussuosa Mercedes-Benz Classe V e al più recente Volkswagen Multivan. 

Le MPV vanno ancora relativamente bene in America, dove vengono chiamate minivan, anche se non sono affatto “mini”: ad esempio, la Chrysler Pacifica, con i suoi 5,2 metri di lunghezza, è un bel po’ più grande del Multivan.

Cabrio e Roadster

Rolls-Royce Dawn. Foto: Rolls-Royce

I due termini sono usati in modo intercambiabile, ma hanno significati diversi. Per cabriolet si intende qualsiasi auto con tettuccio pieghevole, indipendentemente dal fatto che il tettuccio sia in tessuto o in pannelli laminati (vetro, metallo). La Roadster è sempre un’auto sportiva a due posti e, a volte, non è nemmeno necessario che abbia il tettuccio, nemmeno di emergenza. Equivalenti importanti di roadster sono i termini Spyder (Porsche) e Spider (Ferrari, Alfa Romeo). 

Per inciso, anche queste categorie hanno subito un calo rispetto ai tempi di gloria. Se un tempo era possibile acquistare modelli compatti di Volkswagen, Opel o Peugeot con tettuccio ripiegabile, oggi le cabriolet sopravvivono più o meno solo nei marchi di lusso e i quantitativi venduti sono simbolici. Qui da noi in Carvago, le cabriolet e le roadster rappresentano solo il 2,3% delle vendite. La Mazda MX-5 è la più popolare, seguita dall’Audi A5 cabrio e dalla BMW Z4.

Questo è quanto in merito alle principali tipologie di carrozzeria delle autovetture. I veicoli commerciali leggeri, compresi i popolari pick-up, costituiscono un capitolo a parte, ma di questi parleremo la prossima volta.

Sdílet článek:
Condividi l’articolo:
Zdieľať článok:

Podobné články Articoli simili: Podobné články:

A prima vista, l’enigmatica sigla alfanumerica riportata sul lato dello pneumatico lascia interdetti. Ma chi riesce a decifrarla ne trarrà molte informazioni interessanti. Diamo un’occhiata insieme almeno ai simboli…