Dalla Fiat all’ibrido: Cinque motori inaspettatamente affidabili

Foto: Stellantis

Il nostro recente articolo sui motori inaffidabili ha riscosso molto successo. Oggi, invece, guarderemo alla situazione opposta e ci occuperemo dei motori che, nemmeno dopo anni di funzionamento e migliaia di chilometri, non privano i loro proprietari di sonni tranquilli. Anche in questo caso, pensiamo soprattutto alle auto che i clienti di Carvago acquistano abitualmente, ovvero quelle sotto i dieci anni di età. Questo è il motivo principale per cui in circolazione non si trovano più i vecchi quattro cilindri a benzina, soprattutto Honda e Toyota, senza turbo e iniezione diretta, considerati, a ragione, da molti come i motori più affidabili di tutti i tempi.

Scegliere cinque candidati per l’articolo di oggi non è stato facile, a differenza dell’ultima puntata sui “guastafeste”. E non perché manchino motori affidabili, al contrario. Skyactiv-G di Mazda, VW 1.0 TSI oppure il 2.0 TDI Evo 110 kW, PSA 1.6 BlueHDi, Renault 1.6 dCi e decine di altri motori non sono certo un motivo valido per svegliarsi di notte temendo un guasto meccanico totale. Le versioni più recenti di molte unità che avevano una reputazione storicamente negativa, come il VW 1.2 TSI, il Ford 1.5 EcoBoost o il PSA 1.6 THP, tra gli altri, funzionano invece senza problemi. Gli eventi difetti dei singoli pezzi, spesso causati da un’assistenza scadente piuttosto che da difetti di fabbrica, non hanno scampo con il nostro CarAudit. 

Infine, nella panoramica abbiamo incluso cinque unità ad alto volume molto diverse tra loro, per le quali, date la storia, l’origine o la progettazione, è comprensibile nutrire sulla loro affidabilità preoccupazioni smentite, però, smentite dalla pratica come del tutto infondate.

Fiat 1.2 e 1.4 Fire (fino al 2020)

Foto: Stellantis

In quali modelli è presente: Fiat 500, Fiat Panda, Lancia Ypsilon (1.2), Fiat Tipo (1.4)

I nostri lettori italiani probabilmente scuoteranno la testa, ma il grande pubblico a nord delle Alpi, per inerzia, considera ancora il marchio Fiat sinonimo di inaffidabilità. Naturalmente sappiamo tutti che ciò non vale più da molto tempo. E a Torino sanno che ciò che nell’auto non c’è non può neanche funzionar male, una ricetta tradizionale di affidabilità alla quale la Fiat si attiene da più tempo rispetto alla maggior parte degli altri marchi. I quattro cilindri meccanicamente semplici, la cui progettazione risale alla metà degli anni ’80, o addirittura la tecnologia a otto cilindri nel caso del dodici cilindri, sono riusciti a rispettare le norme sulle emissioni fino al 2020. L’unità più piccola, che troverai comunemente nella leggendaria Fiat 500, ha anche il vantaggio, oggigiorno ormai unico, della distanza tra le valvole e il fondo del pistone nel punto morto superiore, anche quando la cinghia di distribuzione si rompe, il motore non “si incontra”. Uno dei pochi motori dell’ultimo decennio che, rispettando le regole di manutenzione di base, durerà più a lungo dell’auto stessa.

Ford 2.0 TDCi (fino al 2019)

Foto: Ford

In quali modelli è presente: Ford C-Max, Focus, Galaxy, Kuga, Mondeo, S-Max

Frutto della collaborazione tra Ford e il gruppo PSA, ha gradualmente generato uno dei diesel più affidabili del mercato. Ford ha sempre adattato un po’ i dettagli del design francese. Ad esempio, quando, anni fa, le norme sulle emissioni hanno imposto l’introduzione di un filtro antiparticolato, la Ford ha risolto la sua rigenerazione non con additivi speciali, come hanno fatto la Citroen e la Peugeot, ma con un gassificatore del gasolio, il cosiddetto “quinto iniettore” nel collettore di scarico. Un altro fattore che ha contribuito alla grande affidabilità dei motori TDCi negli ultimi anni di produzione è stato il fatto che, per soddisfare la norma sulle emissioni Euro 6.1 nel 2015, non hanno avuto bisogno del sistema di riduzione catalitica selettiva a iniezione di AdBlue, rivelatosi, almeno temporaneamente, il tallone d’Achille di quasi tutti i produttori. Con una corretta manutenzione, il motore 2.0 TDCi può funzionare tranquillamente per mezzo milione di chilometri. Forse ancora più sorprendente è il fatto che anche la variante “bi-turbo” dopata con due turbocompressori vanta una robusta affidabilità.

Renault 1.3 TCe (dal 2019)

Foto: Renault

In quali modelli è presente: Dacia Duster, Renault Clio, Captur, Mégane ecc., Nissan Qashqai a X-Trail, Mercedes-Benz classi A, B, CLA, GLA, GLB 

Questo motore lo potremmo definire come la lezione appresa dalla crisi. Dopo il 12 cilindri dell’ultimo articolo, che è stato probabilmente il più grande disastro automobilistico dell’ultimo decennio, quantomeno in Europa, la Renault ha prestato molta più attenzione e ha anche invitato gli ingegneri della Mercedes-Benz, con cui collabora occasionalmente, alla sua progettazione. Grazie a un migliore raffreddamento e a un riscaldamento elettrico supplementare, la nuova unità funziona come un orologio svizzero. Un piacevole bonus aggiuntivo è dato anche dalla trazione davvero inaspettata ai bassi regimi. Uno dei migliori motori di piccole dimensioni attualmente sul mercato.

Toyota 1.8 Hybrid (e praticamente tutte le ibride Toyota e Lexus)

Foto: Toyota

In quali modelli è presente: Toyota Auris, Corolla, C-HR, Prius

Che ci sarebbero stati problemi ne erano sicuri quasi tutti, compresi gli esperti, quando la Toyota lanciò anni fa la Prius, alimentata da una complessa combinazione di un motore a benzina che funziona nel cosiddetto ciclo Actins con un’apertura più lunga delle valvole di aspirazione, un cambio planetario (che molti scambiano ancora per un variatore a causa dell’ingannevole denominazione eCVT) e un motore elettrico alimentato da una batteria ad alto voltaggio. La prassi ha dimostrato il contrario. La Prius e le altre Toyota ibride combinano un consumo di carburante miracolosamente basso in città con un’affidabilità eccellente. Ad esempio, la batteria perde parte della sua capacità dopo alcuni anni, quindi il motore a combustione deve lavorare di più e i consumi sono leggermente più elevati, ma raramente si guasta del tutto. Che non si sia trattato di un caso fortuito lo conferma la stessa esperienza fatta con le altre varianti di motore ibrido, comprese le unità più grandi e potenti montate sui modelli di lusso del marchio gemello Lexus.

Volkswagen 2.0 bi-TDI

Foto: Volkswagen

In quali modelli è presente: Skoda Kodiaq RS, VW Arteon, Passat, Tiguan Allspace

Un attimo, cosa ci fa qui il famigerato motore del Multivan, si è intrufolato qui dall’ultimo articolo? Nient’affatto. Stiamo parlando dell’omonimo successore della serie EA288 con un design molto più robusto. L’abbiamo incluso nella recensione soprattutto a riprova del fatto che anche un’unità tecnica così complessa come un moderno turbodiesel ad alte prestazioni, corredato di tutte le potenziali fonti di problemi, compresi due turbocompressori, può sopportare anni di circolazione intensa sulla corsia di sorpasso delle autostrade tedesche se il proprietario segue le raccomandazioni di manutenzione del produttore. In questo caso, la chiave è l’intervallo per la sostituzione delle cinghie di distribuzione, che è stato dimezzato rispetto alle versioni più deboli del motore 2.0 TDI. È un peccato che il TDI biturbo sia gradualmente scomparso dalla gamma VW tra il 2020 e il 2021, non potendo più tenere il passo con le norme sulle emissioni sempre più severe.

A casa hai un’auto con una di queste unità o stai meditando di acquistarne una da noi di Carvago.com? Congratulazioni. Ricordati, però, che la loro affidabilità superiore alla media non ti autorizza a trascurare la manutenzione. In generale vale che i motori moderni a iniezione diretta, con filtri antiparticolato, ricircolo dei gas di scarico e altri dispositivi per le “emissioni” – ovvero tre dei nostri cinque casi – subiscono molto la guida frequente su brevi distanze che produce depositi di carbonio e spesso diluisce l’olio con benzina o diesel. Se non vuoi che la tua auto ti lasci a piedi, assicurati di rispettare non solo gli intervalli di manutenzione, ma anche le specifiche dell’olio prescritte dalla casa automobilistica. I motori odierni tendono ad essere più sensibili rispetto a quelli del passato. Ti consigliamo pertanto di abbreviare l’intervallo di sostituzione dell’olio a dieci-quindicimila chilometri per un uso prevalentemente extraurbano. Se ordinerai un’auto da noi, saremo lieti di fornirti un’assistenza di base prima ancora di consegnarti l’auto a casa tua.

Sdílet článek:
Condividi l’articolo:
Zdieľať článok:

Podobné články Articoli simili: Podobné články: Artikuj të ngjashëm:

A prima vista, l’enigmatica sigla alfanumerica riportata sul lato dello pneumatico lascia interdetti. Ma chi riesce a decifrarla ne trarrà molte informazioni interessanti. Diamo un’occhiata insieme almeno ai simboli…